La Biblioteca Digitale per il Dialogo (BDD) è un progetto che prevede la realizzazione di una biblioteca digitale dove poter consultare e scaricare i testi del dialogo e per il dialogo tra le religioni nel XXI secolo in modo da favorire la conoscenza di quanto uomini e donne hanno fatto e stanno facendo per promuovere una cultura dell’accoglienza che conduca alla costruzione della giustizia e della pace, con il contributo delle religioni, nel rifiuto di ogni forma di violenza e di discriminazione.

La BDD è articolata in sette sezioni:

Italica con i testi del dialogo e per il dialogo in Italia

Oecumenica sul dialogo tra cristiani

Fratellanza Universale sul dialogo tra cristiani e musulmani

Mediterranea sul dialogo tra cristiani, ebrei e musulmani nel Mediterraneo

Nostra Aetate sul dialogo tra cristiani e ebrei

Spirito di Assisi sul dialogo tra le religioni

Vie della Seta sul dialogo tra cristiani, buddisti, induisti, sikh

Ogni sezione della BDD contiene testi editi (Documenta) di dialogo e per il dialogo delle religioni, prevalentemente del XXI secolo, organizzati in ordine cronologico, di istituzioni, organismi, associazioni e singoli, in lingua originale; ogni sezione dispone anche di una Bibliografia tematica con i più recenti titoli di carattere scientifico, redatta attraverso lo spolio di un elenco di Riviste italiane e internazionali, e di una Cronologia, con una particolare attenzione alle iniziative di dialogo in Italia nel XXI secolo.

La BDD viene aggiornata mensilmente nelle sezioni Italica Oecumenica e trimestralmente nelle altre sezioni; è prevista la possibilità di sottoscrivere una newsletter per ricevere notizia dell’aggiornamento.

La BDD è un progetto promosso dal Centro Studi per l’Ecumenismo in Italia, dal 1° marzo 2021, diretto dai professori Riccardo Burigana, Renato Burigana, Luiz Carlos Luz Marques e Alex Talarico, al momento con il sostegno dell’Associazione per il Dialogo (AxD), in collaborazione con l’Associazione Italiana Docenti di Ecumenismo.

Con il contributo di 

CRFirenze

 

Con il Patrocinio e il contributo di

RegioneToscana